Tessera 3

Il prezzo del cambiamento

Il coaching individuale – si sa – è un percorso di cambiamento. E’, cioè, un percorso nel quale e attraverso il quale un professionista, manager o imprenditore mette a fuoco una competenza, un’abilità comportamentale che vuole acquisire o potenziare e, affiancato dal coach, si allena per acquisirla.

Per esempio potremmo dare il caso di un professionista che, verificata la sua inadeguatezza a motivare i collaboratori, voglia lavorare su di se e sulla propria capacità di motivazione, prendendo come obiettivo il saper agire e comunicare verso i suoi in modo coinvolgente e motivante.

All’inizio del percorso di coaching è di solito il coach stesso a dichiarare che il percorso funge da attivatore del cambiamento desiderato, quasi fosse un acceleratore di un processo che forse è già parzialmente in atto ma che ha bisogno di una marcia in più, di una spinta e forse anche di uno specchio di consapevolezza e di un aiuto metodologico per essere portato a compimento. E’ cura del coach, inoltre, all’inizio del percorso, spiegare chiaramente che, se non vi è una vera disponibilità al cambiamento, l’intero percorso viene vanificato e porta risultati scarsi o nulli.

In alcuni casi, invece – ma per fortuna sono assai rari – il coachee non aderisce a questa proposta; dichiara di essere pienamente soddisfatto di come opera e di come si relaziona, oppure percepisce l’obiettivo di miglioramento (magari perché “assegnatogli” dall’azienda di cui fa parte, oppure segnalatogli solo dai suoi collaboratori e/o superiori) come estraneo e non personale. Questa è naturalmente una situazione difficile da gestire, soprattutto per quello che concerne i rapporti con l’azienda di cui la persona fa parte, che spesso è anche il committente del percorso di coaching. Ma, almeno, è una situazione chiara che, se ben gestita sia con il coachee sia con l’azienda, può anche essere positiva.

Ma cosa succede se, dietro l’obiettivo di miglioramento e le dichiarazioni esplicite di voler cambiare, si nasconde invece una radicale paura del cambiamento? Cosa avviene se dietro l’obiettivo dichiarato, si cela invece una non-volontà di affrontare le conseguenze che il cambiamento comporterebbe?

In realtà introdurre un cambiamento nello stile di leadership è un po’ come gettare un sasso in uno stagno: ripercussioni e cambiamenti si avranno a cascata fino a generare “onde di cambiamento” anche lontano da dove il cambiamento è stato attivato.

Tornando all’esempio di prima, un professionista potrebbe voler diventare più coinvolgente e motivante nell’esercizio della sua leadership, ma, in caso di successo, dovrebbe poi affrontare le conseguenze del suo atteggiamento mutato. Innanzitutto un cambio di immagine nel contesto in cui opera: ieri era il capo distante e autoritario che decideva in solitudine, ora attua modalità di comunicazione più aperte, coinvolge i suoi nelle decisioni, cerca di dare più fiducia, attiva momenti di condivisione e di confronto. E questo, a sua volta, vuol dire investire tempo: nella comunicazione, nella delega, nell’ascolto.

Poi potrebbe scoprire che i suoi collaboratori reagiscono bene a questa iniezione di fiducia e di delega, e quindi trovarsi con idee nuove da gestire, iniziative da valutare, o magari anche qualche critica o proposta di miglioramento.

Spesso questo aspetto non è evidente agli occhi del coachee all’inizio del percorso ed egli è quindi disponibile al cambiamento solo in teoria, come una risposta a un dover essere che si percepisce essere di maggior valore ma che non si vuole abbia conseguenze nella gestione quotidiana. Si desidera, in pratica, un cambiamento a “costo zero”.

E’ quindi compito del coach aiutare il coachee ad esplicitare e rendere evidenti queste conseguenze, in modo tale che l’adesione al percorso di cambiamento sia poi piena e totale. 

“In coscienza, non so dire se la situazione sarà migliore quando cambierà;
posso dire però che deve cambiare se si vuole che diventi migliore.”

(Georg Lichtenberg, Aforismi)

Condividi:

Contattaci per avere maggiori informazioni


    Articoli collegati

    I tuoi punti di forza

    Raffaella Villa, Partner di Mosaic, ha scritto un breve ma denso saggio dal titolo “I tuoi punti di forza”, che lei stessa definisce come la “combinazione di competenze, talenti e motivazioni, utilizzata in modo naturale all’interno di un dato contesto (tipicamente il ruolo professionale) per produrre sistematicamente i risultati desiderati”.